Calendario
Area Utente

Repubblica della Liberia

Liberia, News.

Repubblica della Liberia

Liberia, News.

REPUBBLICA DELLA LIBERIA

Superficie: 111.369 kmq
Popolazione: 5.073.296 (stima di luglio 2020)
Aspettativa di vita: circa 64 anni.
Capitale: Monrovia
Frontiere: a nord con Sierra Leone e Guinea, ad est con la Costa d’Avorio e a sud ovest  con l’Oceano Atlantico.

Gruppi etnici: Kpelle 20,3%, Bassa 13,4%, Grebo 10%, Gio 8%, Mano 7,9%, Kru 6%, Lorma 5,1%, Kissi 4,8%, Gola 4,4%, Krahn 4%, Vai 4%, Mandingo 3,2%, Gbandi 3%, Mende 1,3%, Sapo 1,3%, altri liberiani 1,7%, altri africani 1,4%, non africani .1% (stima 2008)
Religione: Cristiani 85,6%, Musulmani 12,2% (stima 2008)
Lingua: Inglese (ufficiale), 20 lingue indigene

Vaccinazioni: Febbre gialla, obbligatoria, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riconosciuto la validità a vita di questa vaccinazione che quindi non deve essere rinnovata.
Trattamento antimalarico, assolutamente raccomandato.
Visto: visto necessario rilasciato dall’ambasciata.

TERRITORIO, CLIMA E STAGIONI

Ci sono quattro regioni parallele alla costa.

1. Le pianure costiere sono lunghe circa 350 miglia (560 km) e si estendono fino a 25 miglia (40 km) nell’entroterra. Sono basse e sabbiose, con chilometri di spiagge intervallate da lagune, paludi di mangrovie e alcuni promontori rocciosi: il più alto è Cape Mount (circa 305 metri di altitudine) nel nord-ovest, Cape Mesurado a Monrovia e Capo Palmas nel sud-est.
2. Parallela alle pianure costiere c’è una regione di dolci colline larghe circa 20 miglia (32 km) con un’altitudine massima media di circa 300 piedi (90 metri); alcune colline si innalzano fino a 150 metri. È una regione adatta all’agricoltura e alla silvicoltura.

3. Dietro le dolci colline, la maggior parte dell’interno del paese è un altopiano con basse montagne che vanno da 600 a 1.000 piedi (da 180 a 305 metri) di elevazione; alcune montagne raggiungono i 2.000 piedi (600 metri).
4. Una caratteristica notevole degli altopiani montuosi settentrionali lungo il confine con la Guinea è il Monte Nimba.

Il clima, soprattutto sulla costa, è caldo e umido tutto l’anno, dominato da una stagione secca da novembre ad aprile e da una stagione delle piogge da maggio a ottobre. Il polveroso e secco harmattan (vento del deserto) soffia dal Sahara alla costa a dicembre, portando sollievo dall’elevata umidità.

STORIA

1847 Viene redatta la Costituzione modellata su quella degli Stati Uniti.
1847 luglio, la Liberia diventa indipendente.
1917 La Liberia dichiara guerra alla Germania, dando agli Alleati una base in Africa occidentale.

1926 Firestone Tire and Rubber Company aprono una piantagione di gomma su un terreno concesso dal governo. La produzione di gomma diventa la spina dorsale dell’economia.
1936 Abolizione delle pratiche di lavoro forzato.

1943 William Tubman viene eletto presidente.
1944 Il governo dichiara guerra alle potenze dell’Asse.
1951 maggio, le donne e le proprietarie indigene votano per la prima volta alle elezioni presidenziali.
1958 La discriminazione razziale bandita.

1971 Tubman muore e gli succede William Tolbert Jr.
1974 Il governo accetta per la prima volta aiuti dall’Unione Sovietica.
1978 La Liberia firma un accordo commerciale con la Comunità economica europea.
1979 Più di 40 persone vengono uccise in disordini a seguito di un proposto aumento del prezzo del riso.

1980 Il sergente maggiore Samuel Doe esegue un colpo di stato militare. Il presidente Tolbert e 13 dei suoi collaboratori vengono giustiziati pubblicamente. Un People’s Redemption Council guidato da Doe sospende la costituzione e assume i pieni poteri.
1984 Il regime di Doe consente il ritorno dei partiti politici a seguito delle pressioni degli Stati Uniti e di altri creditori.

1985 Doe vince le elezioni presidenziali.
1989 Il National Patriotic Front of Liberia (NPFL) guidato da Charles Taylor inizia una rivolta contro il governo.
1990 La Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas) invia una forza di mantenimento della pace. Doe viene giustiziato da un gruppo scissionista della NPFL.

1997 Dopo diversi anni di combattimenti caotici e frenetici, Taylor vince le elezioni presidenziali. Gli osservatori internazionali dichiarano le elezioni libere ed eque.
2000 luglio, la stabilità rimane fragile. Il governo segnala i primi attacchi dei ribelli che si identificano come Liberiani uniti per la riconciliazione e la democrazia (LURD).

2003 marzo, i ribelli arrivano a 10 km da Monrovia.
2003 luglio, i combattimenti si intensificano; i ribelli combattono per il controllo di Monrovia. Diverse centinaia di persone vengono uccise. Il gruppo regionale dell’Africa occidentale Ecowas si impegna a fornire forze di pace.

2003 agosto, arrivano le forze di pace nigeriane. Charles Taylor lascia la Liberia dopo aver ceduto il potere al suo vice Moses Blah. Arrivano le truppe statunitensi. Governo ad interim e ribelli firmano accordo di pace. Gyude Bryant ha scelto di dirigere l’amministrazione provvisoria.
2003 settembre-ottobre, ​​le forze statunitensi si ritirano. L’ONU lancia un’importante missione di mantenimento della pace, schierando migliaia di truppe.

2005, il 23 novembre, Ellen Johnson Sirleaf diventa la prima donna ad essere eletta capo di stato africano.
2006 febbraio, viene istituita la Commissione per la verità e la riconciliazione per indagare sulle violazioni dei diritti umani tra il 1979 e il 2003.
2006 luglio, il presidente Johnson Sirleaf accende i lampioni alimentati da un generatore nella capitale, che è rimasta senza elettricità per 15 anni.

2007 giugno, inizio del processo per crimini di guerra di Charles Taylor all’Aia, dove è accusato di istigazione di atrocità in Sierra Leone.
2008 febbraio, il presidente degli Stati Uniti George W. Bush conclude un tour in Africa in cinque paesi con una visita in Liberia, uno dei più fedeli alleati dell’America nel continente.
2008 marzo, la Liberia conduce il suo primo censimento dal 1984.

2009 febbraio, il presidente Johnson Sirleaf ammette alla Commissione per la verità e la riconciliazione di aver erroneamente sostenuto l’ex presidente Charles Taylor quando ha lanciato la guerra civile di 14 anni nel 1989.
2009 luglio, la Commissione per la verità presenta un rapporto al parlamento, raccomanda di perseguire 200 persone e di elencare altre persone che dovrebbero essere escluse dalle cariche pubbliche, incluso il presidente Johnson Sirleaf.

2011 ottobre-novembre, elezioni presidenziali. Il presidente Johnson Sirleaf vince la rielezione. Il suo principale rivale boicotta il secondo round.
2012 aprile, l’ex presidente Charles Taylor viene dichiarato colpevole di crimini di guerra per aver aiutato e diretto i ribelli in Sierra Leone. Viene condannato a 50 anni di carcere, per essere servito in Gran Bretagna.
2013 gennaio, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati completa un programma che ha aiutato oltre 155.000 liberiani a tornare a casa, salutandolo come prova del ritorno della pace dopo la guerra civile.

2014 luglio-ottobre, la Liberia annuncia misure di emergenza per combattere la diffusione dell’epidemia di virus Ebola.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che la diffusione dell’Ebola nell’Africa occidentale è un’emergenza sanitaria pubblica internazionale e chiede una risposta coordinata. Il presidente degli Stati Uniti Obama annuncia che 3.000 militari statunitensi saranno inviati in Africa occidentale per costruire nuove strutture sanitarie e per formare operatori sanitari.

2016 gennaio, l’ONU dichiara la Liberia e l’intera Africa occidentale libere da Ebola. Più di 11.000 sono morti a causa della malattia in Africa occidentale dal dicembre 2013, 4.809 dei quali in Liberia.
2017 dicembre, George Weah eletto presidente.

Condividi su

condividi facebook condividi linkedin condividi twitter invia mail

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

OK Leggi di più