Calendario
Area Utente

Repubblica Islamica della Mauritania

Mauritania, News.

Repubblica Islamica della Mauritania

Mauritania, News.

REPUBBLICA ISLAMICA DELLA MAURITANIA

Superficie: 1.030.700 kmq
Popolazione: 4.005.475 (stima di luglio 2020)
Aspettativa di vita: circa 64 anni.
Capitale: Nouakchott
Frontiere: confinante con il Marocco a nord, l’Oceano Atlantico ad ovest, il Senegal a sud-ovest, il Mali a sud e ad est, e l’Algeria a nord-est.

Gruppi etnici: Mauri 70%, Fulani, Soninke, Wolof e Bambara
Religione: Musulmani 100%
Lingua: Arabo (ufficiale e nazionale), Pular, Soninke, Wolof, francese

Vaccinazioni: Profilassi anti-malarica: assolutamente raccomandata
Visto: visto obbligatorio.  Il visto disponibile al posto di frontiera.

TERRITORIO, CLIMA E STAGIONI

Circa tre quarti della Mauritania sono deserti o semidesertici. Il deserto è in espansione dalla metà degli anni ’60.

Le fasce di vegetazione, corrispondenti all’andamento delle piogge, si estendono da est a ovest e vanno dalla foresta lungo il fiume Sénégal alla savana nel sud-est.
Nel centro e nel nord del paese si trova solo deserto sabbioso.

Il clima deve la sua aridità ai venti di nordest, che soffiano costantemente al nord e per gran parte dell’anno nel resto del paese; l’effetto essiccante prodotto da questi venti è aumentato dall’harmattan, un vento caldo e secco che soffia da nord-est o est.

Le precipitazioni sono essenzialmente dovute ai venti sud-occidentali portatori di pioggia, che si estendono progressivamente in tutta la metà meridionale del paese in estate.

STORIA

III-VII secolo d.C. I migranti berberi e arabi arrivano nell’odierna Mauritania.
IX-X secolo, l’Impero del Ghana ha la sua capitale nell’attuale Mauritania sud-occidentale.

1076 I guerrieri berberi Almoravidi sconfiggono l’Impero del Ghana.
1500 Marinai e commercianti europei stabiliscono insediamenti.
1850-60 Le forze francesi ottengono il controllo della Mauritania meridionale. Nel 1898 la Francia vince la fedeltà dei Mauri nella regione.

1904 La Francia stabilisce la Mauritania come territorio coloniale.
1920 La Mauritania diventa parte dell’Africa occidentale francese e viene amministrata dal Senegal.
1946 Diventa territorio d’oltremare francese.

1958 La Mauritania diventa autonoma.
1960 novembre, la Mauritania diventa indipendente.
1976 Mauritania e Marocco si dividono il Sahara spagnolo, ora noto come Sahara occidentale, dopo che la Spagna se ne va. I guerriglieri del fronte Polisario, con l’obiettivo di stabilire uno stato indipendente nel territorio, combattono le forze di entrambi i paesi.

1978 Il primo presidente post-indipendenza, Moktar Daddah, viene deposto da un colpo di stato militare, sostenuto in parte dalle pressioni della campagna del Polisario.
1979 La Mauritania firma un accordo di pace con il fronte Polisario e rinuncia alla rivendicazione del Sahara occidentale. Il Marocco annette la precedente quota di territorio della Mauritania.

1984 Colpo di stato porta al potere il colonnello Maaouiya Ould Sid Ahmed Taya.
1989 Scoppiano disordini razziali in Mauritania e Senegal dopo una disputa sul confine. Decine di migliaia di mauritani neri vengono cacciati dal paese in Senegal. Altri diventano il bersaglio di attacchi e sequestri di terra. Centinaia di persone vengono uccise.

1992 Il colonnello Ould Taya viene eletto presidente.
1997 Il presidente Ould Taya viene rieletto in un’elezione boicottata dai principali partiti di opposizione.
2003 giugno, tentativo di colpo di stato: le truppe fedeli al presidente Ould Taya riprendono il controllo della capitale dopo pesanti combattimenti con i soldati ribelli.

2003 novembre, il presidente Ould Taya rieletto con il 67% dei voti al primo turno delle elezioni. L’opposizione denuncia la frode.
2004 settembre, il governo dice di aver sventato un colpo di stato – il terzo in 15 mesi. A ottobre il presidente Taya accusa Libia e Burkina Faso di finanziare i recenti tentativi di colpo di stato.

2005 gennaio, l’ONU chiede aiuti alimentari sulla scia delle invasioni di locuste nel 2004. La Mauritania è stata il paese africano più colpito, con la sua produzione agricola azzerata..
2005 agosto, con il presidente Ould Taya fuori dal paese, le truppe sequestrano edifici governativi e un gruppo di ufficiali annuncia il rovesciamento del presidente e la formazione di un consiglio militare.

2006 giugno, gli elettori in un referendum approvano le modifiche costituzionali che limiteranno il presidente a due mandati di cinque anni.
2007 marzo, Elezioni presidenziali vinte da Sidi Ould Cheikh Abdallahi.

2008 agosto, l’esercito rovescia il presidente Abdallahi – il primo leader democraticamente eletto del paese – e forma un consiglio di stato per governare il paese. La mossa è arrivata dopo che il presidente ha cercato di licenziare diversi comandanti dell’esercito.
2009 luglio, il generale Mohamed Ould Abdel Aziz – leader del colpo di stato militare dell’agosto 2008 – vince le elezioni presidenziali.

2010 aprile, Mauritania, Mali, Niger e Algeria istituiscono un comando congiunto per contrastare la minaccia del terrorismo.
2013 dicembre, il partito Unione per la Repubblica del presidente Ould Abdel Aziz ottiene la maggioranza dei seggi nelle prime elezioni parlamentari dal 2006. Il voto è stato boicottato dalla maggior parte dei gruppi di opposizione.

2014 giugno, il presidente Ould Abdel Aziz vince un altro mandato di cinque anni in elezioni boicottate dall’opposizione.
2014 luglio, la Francia annuncia l’istituzione di un’operazione militare a lungo termine volta a impedire ai gruppi jihadisti di stabilire paradisi sicuri nel Sahel, inclusa la Mauritania.

2017 agosto, gli elettori in un referendum approvano il piano del presidente di eliminare il Senato e cambiare bandiera.

Condividi su

condividi facebook condividi linkedin condividi twitter invia mail

Questo sito utilizza cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all'uso di tutti i cookie.

OK Leggi di più